Punti di interesse

Il Parco ospita numerosi punti di interesse naturalistico, rurale, storico-religioso e artistico.
Tutti i punti di interesse del Parco sono visualizzabili nella mappa web.

NATURA
Il Roccolo di Albiolo, oggi in disuso, veniva utilizzato per la caccia agli uccelli; la struttura sorge su una collina boschiva di carpini alle cui pendici si trova un esteso sistema di aree umide che alimentano la roggia “Lura di Albiolo”. In Comune di Colverde, frazione di Gironico, si trovano altre aree umide di rilievo: il laghetto di Gironico al Monte, lo stagno in località “Ciusa” nei pressi del torrente Riale e il laghetto di Campo Amà; vicino a quest’ultimo è inoltre presente un’area di fitodepurazione realizzata da Alto Lura srl con funzione di affinamento delle acque di prima e seconda pioggia del collettore consortile. Elementi simili a quelli finora citati si trovano anche in Comune di Montano Lucino: sono il Roccolo e l’area umida in località Scimee. A Lurate Caccivio si colloca invece il “Parco Custera”, realizzato in sponda destra del torrente Lura con funzione di laminazione delle piene; al suo interno ospita uno specchio d’acqua permanente e sentieri pedonali, tra cui un “percorso kneipp”.

STORIA E ARTE
All’interno del Parco è ancora forte ed evidente la tradizione agricola, testimoniata da numerose cascine storiche; fra queste citiamo la C.na Cattafame, sita in Uggiate Trevano a confine con Bizzarone, e la C.na Cerè a Colverde, nella piana di Gironico. A Lurate Caccivio, le realtà di maggiore rilievo che si trovano nel Parco sono il Mulino Tappella e la Cascina Monte Sinai.La Cascina Scimee si trova invece nel Comune di Montano Lucino, mentre in quello di Villa Guardia sono note la Cascina Basterna, oggi completamente recuperata ad uso residenziale, e la Cascina Brogo. In tutto il territorio del Parco è ricca la presenza di antichi lavatoi.
I principali elementi di interesse artistico-religioso presenti nel Parco sono rappresentati dal Santuario di San Giuseppe e dalla Chiesa romanica di San Michele a Uggiate Trevano, oltre che dalla Cappella dell’Ossario presente lungo la strada che sale a Gironico al Monte. Altre importanti testimonianze storiche del territorio sono fornite dalla ville signorili, dimore private presenti a Gironico al Monte, Montano Lucino e Villa Guardia.
Di notevole interesse storico per i fatti avvenuti durante il secondo conflitto mondiale è tutta la zona di confine con la Svizzera in Comune di Uggiate Trevano; qui il valico pedonale “della Pignora” consente il passaggio pubblico in due periodi dell’anno: da metà marzo ad inizio aprile e in settembre, da metà a fine mese.